News

Decreto di elevazione a Santuario Diocesano della Famiglia " Santa Sinforosa, San Getulio e figli martiri" della chiesa parrocchiale dei Santi Pietro e Paolo da parte di Sua eccellenza Mons Vincenzo Orofino vescovo della diocesi di Tursi - Lagonegro.

Leggi decreto

28 Lunedi - San Giacomo della Marca
ORE 18.00
S. MESSA A S. MARIA
Def. Sisina e Antonio

29 Martedì - San Saturnino di Tolosa
Novena dell’Immacolata
ORE 18.00 S. MESSA A S. MARIA
Def. Antonio e Vincenzo

SOLENNI FESTEGGIAMENTI IN ONORE DELLA
MADONNA DEL CARMINE
17-18 SETTEMBRE 2022

Programma:

Vigilia – 17 settembre 2022
Ore 18.00
Trasferimento della statua dalla Cappella C. da Valle in piazza Roma. Celebrazione della Santa Messa in Piazza e prosieguo della processione verso il Duomo
                 Serata Musicale in Piazza Roma

al Cinema di Francavilla in Sinni, sabato 17 settembre 2022

Si terrà sabato 17 settembre 2022 dalle ore 17.00 alle ore 19.00, presso il Cinema di Francavilla in Sinni, l’Assemblea diocesana di presentazione delle indicazioni pastorali per l’anno 2022/2023.
Il Sinodo, la Visita Pastorale che entra nel vivo, la prospettiva del Giubileo del 2025 i riferimenti che indicano il percorso tracciato che avrà come filo conduttore il tema: “Pellegrini di speranza, in ascolto, per camminare insieme”.

Dal 05 al 07 settembre 2022
Inizio triduo in onore di Maria SS. della Natività
ORE 19.00 S. MESSA A S. MARIA

15 Agosto 2022

Ore 08.30 Giro bandistico Francavilla Fontana

Ore 11.00 Santa Messa in cappella.

Ore 17.30 Processione dalla cappella in Duomo, Santa Messa in Duomo, prosecuzione della processione e rientro in cappella al termine sparo dei fuochi.

Libro sulla vita e il culto di San Chirico martire patrono di San Chirico Raparo scritto da Giuseppe Aloisio*.

Il libro è disponibile in parrocchia

"Il Martire Chirico è il protettore di San Chirico Raparo, suggestivo paese situato in provincia di Potenza, che lo festeggia solennemente il 15 luglio. Nacque a Konya, città dell’antica Licaonia, in Asia Minore; sua madre, Giulitta o Giuditta, apparteneva a una famiglia principesca. I genitori della nobildonna erano ferventi cristiani, pertanto la educarono alla luce degli insegnamenti evangelici. La prematura scomparsa dell’amatissimo consorte le provocò un’indicibile sofferenza.